The Owner – Rino Panetti

3
DSCN0456
182952_10200252507975219_16818237_n
PHI_5419
PHI_6672 copia
Owner2
Owner3
Owner1

The Owner – Rino Panetti in 400 parole

Esperto in management, leadership, creatività e processi di innovazione, System Thinking, Rino Panetti è facilitatore,  consulente di Direzione e formatore con esperienza pluridecennale in primarie Organizzazioni sia private che pubbliche così come in piccole e medie realtà.
Profondo conoscitore e applicatore di Modelli evoluti di gestione aziendale, guida delle persone e sviluppo dei processi creativi e di innovazione, rivolge i suoi interventi consulenziali e formativi alle tre principali direttrici di guida delle Organizzazioni e dei Team:

- Aumento del potenziale creativo e di capacità di pensiero non usuale, Innovazione e gestione strategica, individuazione di soluzioni ad alto potenziale in logica win-win-win.

- Facilitazione nella guida e sviluppo dei team, delle persone e della leadership, gestione creativa dei conflitti, sviluppo del consenso e della partecipazione.

- Ottimizzazione delle performance e dell’organizzazione.

Studioso della complessità e del pensiero sistemico, docente in Master e Corsi Universitari, Rino Panetti è profondamente convinto della necessità di fondere le intelligenze razionale, emotiva e spirituale per uno sviluppo sostenibile orientato alla crescita delle persone, dei team e delle Organizzazioni.

Rino Panetti agisce – nei suoi interventi di facilitazione e learning – su queste tre Dimensioni, attraverso efficaci strumenti e approcci quali LearningLab esperienziali in 3D, WorkShoW, ecc.

Costantemente attento alle contaminazioni tra campi diversi, intersezioni che suscitano il pensiero creativo, cultore dell’illusionismo, nel 2011 pubblica il suo primo saggio “Management by Magic”, preziosa e approfondita guida sulla complessità, la leadership, il management e il pensiero creativo.

Nel 2015 è tra i traduttori, per FrancoAngeli del libro di Otto Scharmer “Leading from the Emerging Future”.

Nello stesso anno pubblica il suo secondo libro: “Theory U: La Magia dell’Innovazione Profonda per competere nel futuro.  E’ il primo libro italiano che spiega Theory U, la più evoluta metodologia per la leadership, l’innovazione e il cambiamento profondo, nata del MIT di Boston. Un testo coinvolgente, chiaro e originale, in cui partecipano alcuni tra i più grandi creativi, leader e artisti italiani nel mondo… un viaggio affascinante per intravedere, far emergere e realizzare nuove possibilità e raggiungere il luogo dove “scocca la magia”.

La sua vocazione multidisciplinare lo ha portato ad affermazioni anche al di fuori del campo del management: ad esempio, nel 2013 vince a Viareggio il prestigioso concorso letterario ‘Un racconto per l’attesa’ giungendo primo tra 188 scrittori provenienti da Italia, Svizzera, Croazia, Francia, Inghilterra e Stati Uniti e nel 2011 una sua “creazione magica” viene premiata a Saint Vincent all’interno di “Masters of Magic”, uno dei più importanti congressi per illusionisti al mondo.

Per approfondire le competenze e le professionalità di Rino Panetti, visionate le altre Pagine in questa Sezione del sito.

Rino Panetti

Facilitatore, Consulente e formatore per lo Sviluppo delle Organizzazioni, dei Team e degli Individui. Autore

Milestones – Tappe essenziali del percorso professionale

 

Esperto in management, leadership, creatività e processi di innovazione, System Thinker, Rino Panetti è facilitatore, consulente di Direzione e formatore con esperienza pluridecennale in primarie Organizzazioni sia private che pubbliche così come in piccole e medie realtà.

 

Laurea in Economia e Commercio, tesi sperimentale in Alcatel Telettra, Master in Business Administration, costituiscono le tappe iniziali della formazione di Rino Panetti.
Nel 1996 è tra i fondatori della società di consulenza e formazione direzionale QxC, che guida fino al 2011.

 

Nel 2011 costituisce il gruppo “Management by Magic”, struttura di facilitazione, consulenza e formazione per lo sviluppo delle Organizzazioni, dei Team e delle Persone che incentra le proprie skills sulle più evolute metodologie oggi a disposizione (si veda dopo “Gli ambiti di intervento”).
Il Gruppo si muove lungo queste principali direttrici:
– Innovazione, Creatività, Marketing Strategico, Sviluppo del Business: Modelli di innovazione quali: Blu Ocean Strategy, Business Model Generation & Value Proposition Design. Theory U. Design Thinking
Progetti di sviluppo organizzativo, di eccellenza e di miglioramento dei processi, mediante l’adozione di specifiche metodologie e approcci manageriali: BPR, Lean Thinking; Teoria dei Vincoli; Controllo Statistico dei Processi; Teoria della Conoscenza Profonda; Total Quality Management e Modello EFQM/PQI-Premio Qualità Italia; soluzioni specifiche per marketing e vendite, supply chain e gestione fornitori; project management
– Progetti di facilitazione per lo Sviluppo delle Persone, del consenso e della partecipazione, Gestione creativa dei conflitti, Team Building & Learning, System Thinking. Leadership, guida del cambiamento e della complessità
– Sviluppo di Sistemi di Gestione Qualità e Sistemi di Gestione Integrati Qualità-Ambiente-Sicurezza-Etica a fronte delle rispettive norme.

 

Nel 2012 è tra i fondatori di SoL – Society for Organizational Learning – Italy, struttura che nasce all’interno del prestigioso MIT – Massachusetts Institute of Technology – di Boston e attualmente presente in oltre 35 Paesi (attualmente – marzo 2015 –  è membro del Consiglio Direttivo e Vice Presidente).
L’obiettivo di SoL Italy è l’apprendimento nelle Organizzazioni e raccogliere, valorizzare e disseminare conoscenza profonda per il cambiamento sistemico e il benessere (www.solitaly.org).
Qui perfeziona anche le competenze – e le sottostanti Discipline e Pratiche – connesse al Team Learning & Building, al coaching e alla facilitazione, alla leadership attraverso le più innovative metodologie attualmente esistenti (tra queste, Theory U).

Nel 2014 consolida le sue professionalità nell’ambito della Facilitazione nei Team e nelle Organizzazioni con il Master in Facilitazione tenuto da Econsultant e riconosciuto da IAF – International Association of Facilitators.

 

Ugualmente intensa è la sua attività di formatore, svolta per Organizzazioni quali: Aziende (incluse multinazionali), Università (tra queste, di particolare prestigio la collaborazione con la Facoltà di Economia – Dipartimento di Management – de La Sapienza di Roma) e Master, strutture pubbliche e private, Associazioni di Imprenditori (Confindustria, Camere di Commercio, Confapi, CNA, ecc.), Fondazioni, rilevanti Progetti Europei, Organismi di Certificazione.

Dal 1998 svolge parallelamente attività di auditing sui Sistemi di Gestione Qualità (attuale qualifica Cepas di Lead Auditor) e dal 1999 è valutatore del Premio Qualità Italia (modello di Qualità Totale ed Eccellenza che fa capo all’European Foundation for Quality Management), integrato successivamente dalla specializzazione nel Modello CAF (Common Assessment Framework) per la Qualità nelle Pubbliche Amministrazioni.

 

Come Autore:

  • nel 2011 pubblica il saggio Management by Magic
  • il suo racconto Empari (nato grazie alla metodologia Theory U) vince il concorso letterario “Un racconto per l’attesa” 2013, arrivando primo tra 188 concorrenti provenienti da diversi Paesi nel mondo
  • nel 2014-2015 è tra i traduttori, per FrancoAngeli, del libro di Otto Scharmer e Katrin Kaufer Leading from the Emerging Future: From Ego-system to Eco-system Economies. Applying Theory U to Transforming Business, Society, and Self.
  • nel mese di giugno 2015 uscirà il suo secondo saggio: sarà il primo libro italiano su Theory U, un libro nato “sul campo”, dopo due anni di interviste con grandi creativi, leader e imprenditori italiani, affermati a livello internazionale… Personaggi come Arturo Brachetti, Stefano Grandi, Walter Rolfo, Gabry Ponte, casi di studio come Gaya Gelato, Masters of Magic, per comprendere chiaramente la metodologia Theory U e le sottostanti leve per sviluppare leadership, creatività, innovazione e cambiamento profondo. Un libro avvincente e dall’elevato valore di learning
  • nel 2011 una sua creazione artistica viene premiata a Saint Vincent e pubblicata su un importante libro destinato agli illusionisti.

La vasta gamma di ambiti nei quali si afferma come autore, testimonia l’importanza della multidisciplinarità per i processi creativi, di innovazione e per la stessa leadership.

 

 

Gli ambiti di intervento e gli approcci di facilitazione, consulenziali e formativi

 

Le professionalità maturate negli anni pongono Rino Panetti come facilitatore, consulente di Direzione e facilitatore in grado di supportare le Organizzazioni in percorsi di Cambiamento e Innovazione così come nelle fondamentali scelte strategiche ed in progetti di sviluppo organizzativo, ottimizzazione dei processi, riduzione degli sprechi e miglioramento delle performance mediante l’adozione di specifici modelli gestionali quali Blu Ocean Strategy, Business Model Generation & Value Proposition Design, Design Thinking, Lean Production & Thinking e Design Thinking, Teoria dei Vincoli, TQM, Statistic Processes Control, Marketing strategico, Triz (“tecnologia per innovare”), Theory U, Project Management, progetti di Qualità e degli altri Sistemi di Gestione (anche in ambito delle certificazioni Iso), ecc.

Parallelamente sviluppa elevate skills per il Team Building ed il Team Learning, lo sviluppo delle Persone e dei Team, la valorizzazione del potenziale creativo negli Individui e nei Gruppi.
In ciò, la metodologia nota come Theory U (fusa con le logiche e gli strumenti Management by Magic) costituisce uno dei riferimenti altamente qualificanti. Theory U rappresenta attualmente uno dei più efficaci, evoluti, profondi e completi approcci a tali temi, così come ai processi di Innovazione e Cambiamento.

 

Nell’ambito del pensiero creativo e dei processi di innovazione Rino Panetti è oggi tra i più qualificati esponenti.
I suoi interventi sono caratterizzati da particolare spessore, efficacia e valore, oltre che dal profondo coinvolgimento e fascino. Tutto ciò anche grazie all’introduzione e adozione delle più innovative formule di facilitazione e ‘learning’ come gli Innovation & Creative Lab in 3D e gli WorkShoW: percorsi in cui la fusione di tre Dimensioni – Valore, Contaminazioni, Sperimentazione – accompagna i destinatari in un’esperienza indimenticabile (tra stimoli, profonda conoscenza, momenti esperienziali, multidisciplinarità, intrattenimento) e dal valore ineguagliabile … l’unico modo in cui è possibile lavorare sul potenziamento delle capacità creative di Individui, Team e Organizzazioni e generare Innovazione di Valore nei team e nelle Organizzazioni.

 

 

Alcuni dei clienti

 

Le Organizzazioni seguite in questi anni da Rino Panetti sono centinaia. Eccone alcune:

Baxter Italia Spa, TRW Automotive Italia Spa, Alcatel Italia, Unitekno, Gruppo CIVI (Centro Italia Veicoli Industriali), Emicom Srl, Gruppo Pizzidea, Flaminia e altre decine di aziende del Distretto Industriale di Civita Castellana (settore: ceramica – sanitari e stoviglierie), Challenge Spa, Smiths Medical, Gruppo So.Ge.Si., Petrini Spa, Progetto europeo C.H.I.M.E.R.A (Creative Holism to Improve Management and Entrepreneurial Role models and Approches). Attraverso Kiwa Cermet Italia: Trenitalia/Asstra, Telespazio, Metropark, GSE – Gestione Servizi Energetici – Spa.

Università La Sapienza di Roma (Facoltà di Economia e Commercio, Dipartimento di Management), Università degli Studi di Perugia, Camera Commercio di Perugia, Associazione Industriali Provincia di Perugia, Confapi Perugia, Associazione Italiana Formatori, Scuola Speciale ACOI, Tucep Perugia, Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare, Fondazione Varrone, Agenzia Distretto Industriale di Marsciano, Consorzio Orvieto Promotion, Fondazione Fabbroni, Biblioteca Paroniana Rieti, CNA, Congresso Nazionale Chirurghi Ambulatoriali e in Day Surgery, Rotary Club Rieti, Kiwa Cermet Italia, Kiwa Cermet Idea.

 

La multidisciplinarità – Organizzazioni, Cultura, Umanesimo, Creatività

 

Costantemente attento alle contaminazioni tra campi diversi, intersezioni che suscitano il pensiero creativo, Rino Panetti fa della multidisciplinarità una vera e propria “Disciplina” e autentico riferimento nelle sue attività, così come nel suo personale percorso di crescita.

 

Management, Cultura, Umanesimo sono tre fattori indissolubili nella concezione di Organizzazione e di sviluppo della persona per Rino Panetti.

La complessità e la teoria delle reti, il pensiero creativo e le contaminazioni tra discipline diverse, la ricerca di chiavi di lettura provenienti da campi in apparenza distanti (fisica, arte, letteratura, neurologia, scienze, sport, ecc.), la profonda conoscenza dei temi manageriali, lo portano così ad aderire al movimento dello Humanistic Management.
Cultore dell’illusionismo e profondo studioso di questa nobile Arte, ama ricorrere a questa metafora per particolari progetti formativi e di sviluppo delle Persone, dei Team, della Leadership e della creatività.

Complexlab, uno dei principali ambienti ‘virtuali’ italiani per la complessità, pubblica diversi suoi Articoli, che spaziano dal management alla leadership, alla complessità al pensiero sistemico e creativo (www.complexlab.it).

In tale background è nato il Modello Management by Magic.
Nella ‘progettazione’ di questo Modello, l’obiettivo di Rino Panetti è stato quello di non fermarsi a mere enunciazioni di principi generali, a contaminazioni solo ‘esteriori’ o in grado di suscitare al più curiosità, bensì quello di definire un completo modello di gestione organizzativa e di guida delle persone, basato su solidi presupposti teorici e corredato di tutti i necessari approfondimenti operativi e tecnici.
Ciò è stato possibile grazie all’integrazione delle profonde conoscenze che Rino Panetti ha sui campi posti in intersezione (management, complessità, pensiero creativo e illusionismo).

 

La vocazione multidisciplinare di Rino Panetti, lo ha portato ad affermazioni anche al di fuori del campo del management, ad esempio:
– nel 2013 vince a Viareggio, con il racconto “Empari”, il prestigioso concorso letterario “Un racconto per l’attesa” di Edizioni Cinquemarzo, giungendo primo tra 188 scrittori provenienti da Italia, Svizzera, Croazia, Francia, Inghilterra e Stati Uniti
– Nel 2011 una sua “creazione magica” viene premiata a Saint Vincent all’interno di “Masters of Magic”, uno dei più importanti congressi per illusionisti al mondo e pubblicata in un importante volume del settore
– nel 2012-2013 è l’ideatore e Project Leader del primo Laboratorio al mondo di Creatività attraverso la magia rivolto ai bambini delle scuole primarie. Un progetto realizzato con Masters of Magic, il Club Magico P. Iraci di Roma, la Biblioteca Comunale Paroniana di Rieti, le scuole elementari Marconi e Minervini e la scuola media Sisti di Rieti

- Nel 2013 è Direttore Artistico, insieme a Franco Silvi, dello spettacolo “Rieti Magica”, andato in scena al Teatro Flavio Vespasiano di Rieti

- Nel 2013-2014 crea il primo evento in cui Theory U si fonde con l’arte dell’illusionismo e il mentalismo: per i partecipanti, un viaggio alla scoperta di questa disciplina per sfiorare il  proprio “Sé” più profondo – Open Mind, Open Heart, Open Will

- Negli anni precedenti vive esperienze di rilievo in TV nazionali (Canale 5, Raiuno) in cui interviene con sue performance ‘magiche’ …

 

…  Come dichiarato in un’intervista giornalistica “ …tra tanti che si limitano ad insegnare creatività e pensiero creativo, io ‘pratico’ anche ciò che insegno, e i risultati mi confortano. … il creativo è normalmente un “creativo seriale”, altrimenti non può definirsi ‘creativo’ né può ambire a insegnare una simile ‘Disciplina’.”

Domande sulla soglia del caos …. per conoscere Rino Panetti … insight

PILLOLE DI QUESTIONARIO DI PROUST

Canzone preferita:
All the way (Frank Sinatra)

Profumo di un luogo:
Un vecchio pub letterario a Dublino

Film culto:
Le ali della libertà

Un oggetto:
Pennarello nero e cartoncini bianchi

Piatto preferito:
Pasta e fagioli

Il tratto principale del tuo carattere:
Danzare immobile

Quel che apprezzi di più nei tuoi amici:
La leggerezza

La qualità che preferisci in un uomo:
L’intuito e la creatività

La qualità che preferisci in una donna:
Il senso dello humor

Cosa non sopporti:
La faziosità malevola

L’ultima volta che hai pianto:
Per commozione, spesso

I tuoi eroi nella finzione:
Zagor

I tuoi eroi nella vita reale:
Giovanni Paolo II, Steve Jobs

Il giorno più felice della tua vita:
La nascita di mio figlio, ma sul momento non me ne resi conto

E quello più infelice:
Deve ancora venire, temo

Le colpe che ti ispirano maggiore indulgenza:
Le piccole bugie a fin di bene

Il tuo principale difetto:
Do il massimo solo per le cose delle quali son convinto e in cui credo

Il regalo più bello che hai mai ricevuto:
Due: il Manuale di Silvan a 10 anni e il primo regalo da mio figlio all’asilo

Il capriccio che non ti sei mai tolto:
Nei convegni paludosi….”….conciliare la concezione onirica, tendenzialmente Kafkiana, con la visione sublogica che si puo’ avere dell’esistenza intrinseca…” e proseguire cosi’, con questo nonsense il mio intervento

Il dono di natura che vorresti avere:
Saper cucinare. In alternativa, il volo

Autori preferiti:
Dostoevskij, Flann O’ Brien, Paul Auster, Gesualdo Bufalino, Andrea De Carlo

Il tuo motto:
Diversi, a seconda del momento. Dovendone scegliere uno: “Il tempo non si innamora due volte di uno stesso uomo” (Roberto Vecchioni)

Attori e Attrici preferiti:
Paul Newmann (quello di “La gatta sul tetto che scotta”), Jodie Foster

Come vorresti morire:
Come tutto iniziò… “[…] ancora un poco, un momento di riposo nel vento, e un’altra donna mi porterà in grembo” (Kahlil Gibran)